Restiamo Uniti Narrando - L'avventura!


Il Laboratorio “REStiamo uniti narrando” è nato come appuntamento quindicinale in cui abbiamo ascoltato, raccolto e raccontato storie, suggestioni ed evocazioni dei giovani richiedenti asilo, degli immigrati e dei cittadini…

Attraverso giochi teatrali e la narrazione, ci siamo mossi verso l'arte del convivere e della diversità.

Osservare, giocare, ascoltare e raccontare storie, ci ha dato estrema gioia ed entusiasmo nonostante il duro lavoro….

….E la gioia è stata contagiosa, il laboratorio è cambiato giorno dopo giorno: c’è chi è rimasto, chi ha preferito lasciarci, chi si è unito con energia e passione anche a fine percorso.

Di tutto abbiamo fatto tesoro e siamo grati che sia accaduto.

 

Sono stati incontri fra persone che non si conoscevano ma che avevano da raccontarsi qualcosa. Non importava cosa né come: lo hanno fatto! Lo spazio, i giochi, la musica, i corpi, gli occhi, le espressioni dei volti hanno parlato prima della bocca.

Il primo giorno ci siamo seduti in cerchio e ci siamo presentati, era doveroso, e lo abbiamo fatto in italiano, francese, inglese. Siamo del Mali, Gambia, Costa d’Avorio, Senegal, Niger, Sierra Leone, Pakistan, Livorno, Ponsacco, Pontedera, Pisa, Lajatico. Siamo internazionali e interculturali! quanta ricchezza!!!

Un giro di nomi, uno dopo l’altro, poi ancora una volta. Li abbiamo ripetuti lanciandoli come se fossero una palla, in piedi. Poi abbiamo preso una palla vera e ce la siamo lanciata, insieme ai nomi e a fine giornata eravamo lanciatissimi avevamo imparato tutti i nomi, più o meno, ed eravamo soddisfatti.

Elena, Maria, Moussa, Papa, Abdala, Sara, Susanna, Malal, Afzal, Rehman, Floriano, Malik, Masseck, Vincent, poi si sono aggiunti Ousman, Cheick, Alì Diarra, Rosita, Mohammed, Yaya, e abbiamo perso Paolo, Keita, Brahima, Riaz, Dan Don, Alpha, poi sono arrivati Brahima, Soumaila, Filippo, Michela, Muhammed e ci hanno lasciato Afzal, Rehman, Floriano, Ida e Luana poi è arrivato Sankoh che ha detto: “se mi volete io vengo volentieri!”

La risposta è stata unanime: “Certo che ti vogliamo!”

Insomma in questo via vai Elena e Maria, che forse sono quelle che hanno durato più fatica a ricordare i nomi- sigh!- hanno provato con i soprannomi e hanno scoperto che, se escludiamo Elena che da bambina era “ la cavallona” perché correva libera come una cavalla, Maria che la chiamavano “impiccetta” per la sua curiosità, Luana era “la morina”, perché era piccola e nera, e Susanna che era la “ bacchia cecii”… e non si è ancora capito perché, gli altri non hanno un soprannome perché già il nome è molto evocativo e pieno di significati:

Moussah è un nome arabo che deriva dall’ebraico Mosè e significa venuto dall’acqua, Mohammed, ma anche Mamadou sono una delle tante varianti del nome del Profeta dell’Islam,
Maometto, che significa il lodato,
Ali elevato, sublime
Vincent, vincente, ed è di origine latina.

Dopo i nomi, si è parlato di pane, pizza, spaghetti, latte e cous cous, di Ramadan, della seconda guerra mondiale, di Matteotti e dell’ANPI e poi della bellezza dei colori e...

MI PIACE IL VERDE PERCHÉ È IL COLORE DELLE COLLINE DOVE SONO CRESCIUTA.
MI PIACE IL BLU PERCHÉ É IL COLORE DEL CIELO
MI PIACE IL GIALLO PERCHÉ È IL MIO COGNOME
MI PIACE IL NERO PERCHÉ RISALTA GLI ALTRI COLORI
MI PIACE IL VERDE PERCHÉ MI DA ENERGIA
MI PIACE IL ROSSO PERCHÉ...
MI PIACE IL BIANCO PERCHÉ È IL COLORE DEL LATTE
MI PIACE IL NERO PERCHÉ È IL COLORE DELLA MIA PELLE
MI PIACE L’ARANCIONE PERCHÉ...NON C’É UN MOTIVO
MI PIACE IL NERO PERCHÉ NON SI SPORCA
MI PIACE IL GIALLO PERCHÉ È IL COLORE DEL SOLE
MI PIACE IL BIANCO PERCHÉ QUANDO ERO BAMBINO MIO PADRE SI VESTIVA SEMPRE DI BIANCO E VESTIVA ANCHE ME DI BIANCO

Poi il resto: giochi, esercizi, racconti, regole, impegno ma anche tanto divertimento. Lo abbiamo condiviso tra di noi in 20 ore circa di energia, adesso ve lo restituiamo così….

 

          

GUARDA TUTTE LE NOSTRE FOTO - CLICCA QUI

 

Tratto da

 

Contatta ViviTeatro

  • Indirizzo: Piazza delle Vittoria 47 - 56020 Santa Maria a Monte (PI)
  • Tel: +39.3343549460
  • Email:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  • Sito Web: http://www.viviteatro.net